Censimento delle rose e dei giaggioli di Vertine

Le punte dei tralci di rosa e dei giaggioli sono mossi dalle onde malinconiche del Tango che esce dalla fisarmonica di Astor Piazzolla, mettendo in fila brividi emotivi e volti che neanche la grandine e le più fitte gelate cancelleranno dalle menti.
Nel brivido intensamente emotivo che contraddistingue l’essere verticale, qui lo sbocciare di rosa, si riempie di significato.
Una rondine, un pianto, un urlo rivoluzionario, una croce da restaurare, un amico da piangere, un volto di donna intenso, scorbutico e solare, che non è un oblio, ma un amore permanente. Poi arriva un’ape carica di fiori pendenti, portati da Sorin.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2021, La porta di Vertine, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...