L’ erba che diventa rifiuto

Nel manuale pratico del perfetto incivile, fra le prime nozioni di apprendimento per assurgere a un ruolo preminente in tale categoria c’è scritto che bisogna essere carichi di invidia, di accidia, di avidità, di itterizia gialla e di godere delle disgrazie di salute o di vita del prossimo per sentirsi realizzati.

Ma non basta, per essere incivili perfetti, occorre tagliare l’erba e fare il giro dei cassonetti del circondario per smaltirla, come se fosse un rifiuto speciale, come se non potesse essere conferita nell’organico o nel bosco.
Ma il tocco di classe che rende l’incivile, più incivile, è portare sacchi immani nei cassoni periferici, riempirli e poi piazzare un bell’aspiratore industriale in disuso e coprirlo di pratino per rendere il tutto più romantico.

Questa voce è stata pubblicata in andrà tutto bene, Chianti Storico, Etruscany, Federica, Fotografie 2020, italians, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...