Canti d’amore e d’anarchia al Monte dei Paschi di Siena

Non dopo una cena d’ufficio a base di fritto, non prima di aver riposto sulla gruccia il nobile gessato blu, la camicia bianca nel cestino dei puri, la cravatta per i giochi del gatto e le scarpe a punta nell’apposita teca ad ultrasuoni per lustrarle e tenerle appuntite, ma nella strada antistante la sede centrale, per merito di due artisti di strada che con fisarmonica, voce e tamburello, in immane bravura, innalzano al cielo parole di una dolcezza acuta che può far bene a chi è avvezzo a ragionare solo di numeri.

” Ricordi sbocciavano le viole, con le nostre parole, non ci lasceremo mai” storia triste di un amore perduto e mai più ritrovato, parole di Fabrizio De Andrè.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Etruscany, Federica, Fotografie 2020, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...