La scrittrice di cartoline

stefania pianigiani 2020

Il giorno di giugno in cui nacque, nel reparto cittini del Santa Maria della Scala in piazza Duomo a Siena, una zia un po’ sciabordita, chiuse le mani di un piccolo cinquenne nello sportello della macchina e strillava che si desse una mossa per andare a vedere la cugina appena nata. La zia, chiaramente, era nata in Buca e ne pativa tutte le conseguenze.
Poi passa il tempo e la si rivede anni dopo, seduta sul murello di una vigna in una sera di rara luce rondinosa e una sua cara amica bionda, nel vederla in foto esclama che sembra un’attrice, e infatti ricorda una Julia alle prime armi, molto intensamente.
Con la differenza che mentre il tempo scorre, come il titolo della famosa colonna sonora del film Casablanca, si affina in bellezza, scrivendo cartoline, girando con un mazzo di francobolli in tasca e la penna a portata di mano, che rendono aspetto e anima sempre freschi, vigorosi e vivaci.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2020, La porta di Vertine, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...