Il monumento alle ginestre di Brolio

E’ nel destino dei terreni aridi e marginali o delle coltivazioni dismesse, il futuro fiorire di maggio, coperti dal canto giallo dalla ginestra.
Un’erta stretta fra due colline di abeti che ogni tanto pericolosamente franavano per il tempo, il dilavamento delle fondamenta, la voglia di arrendersi alla posizione eretta.
Ne sovviene una vegetazione più bassa, arcigna al piede, di scarsa manutenzione, di ardita e incondizionata bellezza, nel turchese per aria di certe giornate.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2020 e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...