Le uova di merlo americano

Sopra un ulivo, nel fitto dei talli, al riparo dai corvi, un canestro circolare di rametti, fatto da un architetto senza laurea, ma dotato d’istinto, amor materno, senso di cova e di calore di penne su uova.
Le forbici non aprono spiragli su questo incanto, la mamma vola via solo un istante prima che la scala si appoggi vicino al reparto natale, si ferma sui fili del telefono. Guarda.
Niente intacca ciò che faceva. Cantando, la merla americana ritorna a covare.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2019, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...