Il recupero di ulivi abbandonati

Quando, da anni, un ulivo non viene potato, arriva a un certo punto che si ferma e casca in sonno, arrivando a fare qualche oliva nelle parti più alte ad altezza becco delle ghiandaie.
Poi nel mezzo, si mettono il freddo e il vento gelido dello scorso anno e il risultato, sono delle piante coperte di secco, di rogna e con qualche ciuffo verde per aria.
Rimettere a posto questo, vuol dire tagliare, amputare, inventare future gronde avendo la cura di incidere e piegare i talli che vanno per aria per inventare future esigenze fruttifere e ridare un senso compiuto al tronco e alla vegetazione.
Il risultato, sono ulivi abbastanza pieni, altri che si riempiranno e una massa incredibile di frasca da raccogliere e sanificare bruciandola.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2019, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...