Le frittelle della Nobile Contrada del Nicchio

Le domeniche mattina, fino a San Giuseppe, (19 marzo) in via dei Pispini, (all’altezza della Società La Pania, della Nobile Contrada del Nicchio), si avvertono le risate insieme allo sfrigolio dell’olio e all’inconfondibile aroma di fritto.

Sono i volontari che rendono immortale Siena: il popolo delle Contrade, che in questo caso friggono in enormi barili metallici, frutto di genio e inventiva, il dolce tipico dei falegnami, fatto di riso stracotto nel latte, grattugiato d’agrume.

Scendono dalle vie laterali persone di ogni età che si prendono il loro cartoccio di frittelle, molte delle quali saranno consumate sulle lastre che precedono l’uscio di casa.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2019, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...