Gli album di vinile a 33 giri

Uno stereo Fischer vecchio di almeno trent’anni, sepolto in un mobile che contiene vari dischi di vinile a 33 giri, le cui copertine, basta un colpo d’occhio per sentirne risuonare le musiche che contiene.

Una spazzola per togliere la polvere, quando non una soffiata sopra al disco, il braccetto si alza, la testina incespica, sfrigola, frigge sul bordo non inciso, partono le note, un suono pieno, ben corposo che riempie le stanze, ricordi, serate, giornate su una panchina, estate come inverno.
La magisistrale copertine di “Abbey Road” dei Beatles, “Con le pinne, fucili e occhiali”, “Un canto libero”,  “Sapore di sale”, “Senza luce”, “Hotel California”, “Sognando la California”.
Una pennetta adesso contiene duemila brani, ma non è la stessa cosa.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...