Il cippo in ricordo di Artemio Franchi

Una stele dorata posta sulla via Lauretana, in corrispondenza della curva che pose fine alla vita di Artemio Franchi, dirigente sportivo e capitano della Contrada della Torre, lì in zona per parlare con un grande fantino di Vescona.

Era il 1983, la memoria nelle Contrade pare sia alla base dell’essere e dell’esistenza.
In quel paesaggio da fiaba delle Crete Senesi, quel monumento in memoria, brilla alla luce del sole nel risvolto dell’oro, ma il fazzoletto della Contrada è una stoffa sbiadita, leggibile appena da chi ha una cognizione di storia o dei colori di Siena.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2018, Palio, persone e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...