Arcobaleno peonia e timore del gelo

S’alza un vento diaccio improvviso che arde le gote e deturpa quanto di buono fatto dalla vampa prematura.
Vengono portati via pollini e petali, intirizziti tralci e rami, gocciole scaraventate a forza e il terrore di una notte di gelo che potrebbe radere al suolo l’agricoltura del Chianti, della Berardenga, delle Crete e di cos’altro c’è intorno.

In queste fasi meteo, pregare poco cambia, baciare mani ancora meno.

Questa voce è stata pubblicata in Berardenga, Federica, Fotografie 2017 e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...