Pitti immagine: il baccalà con le patate

In tempi neanche tanto lontani, cibarsi con aringa, baccalà o acciughe era un modo gustoso ed economico per alimentarsi, benzina di pronto consumo per fisici sottoposti a sforzi.

Allo stato attuale baccalà, acciughe sotto sale, aringhe sono beni acquistabili in oreficeria, ma di contro c’è da dire che un filetto di baccalà sotto sale, tenuto in ammollo per 36 ore, con un ricambio di acqua di quattro o cinque volte e poi passato in padella dopo averlo infarinato, rosellato con olio come si deve e aglio, con aggiunta di patate a tocchetti e con pomodoro a pezzetti, rappresenta pur sempre una bella rappresentazione della vita.

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, Cucina agricola, Federica, Fotografie 2017, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...