Un risveglio di nebbia

Il condensato di freddo interiore si dilata alle prime ore del mattina e appanna gli occhiali delle rughe su cui poggiano le righe del passato con i suoi furti prematuri.

Uno strato statico e lattiginoso riduce le forme e colma le buche nascondendo le sagome conosciute e comuni, barlumi di tegole e istanti di torre.
Le viti rosse di San Donato si aprono un varco fra la nebbia che lascia passare la prima luce.
L’effetto ottico batuffolo è finito, restano i solchi tracciati da un vomere onesto e uno sguardo nocciolo mai indifferente al bello.

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, Federica, Fotografie 2016, La porta di Vertine, persone e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...