Potare la vigna a cordone speronato

E’ semplice potare il cordone speronato, ma occorre un minimo di occhio e ragionamento per cercare di rinnovare i razzoli (speroni) produttivi evitando che si formino blocchi di legno o si trovi il modo di eliminarli ripartendo dal cordone steso della vite, con un razzolo di legno nuovo tagliato a due gemme con la corona di scorta.
Forbici e seghetto di livello riducono lo sforzo e la fatica delle braccia, può capitare che ci siano da fare più tagli per pianta o può capitare che la vite sia squilibrata nello spazio fra sperone o sperone o ci sia troppo legno sotto di essi, a quel punto, se il primo razzolo ha prodotto un bel tralcio, si sega il cordone vecchio disposto su filo e lo si rinnova. E’ un gesto di vigna e come tale è più facile farlo capire facendo che raccontarlo.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, fare vino, Federica, Fotografie 2016, La porta di Vertine. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...