Enzo Centri

enzo centri

Era una mattina di fine di agosto del 1980 quando il mi babbo con un braccio ingessato cercava in qualche modo di tagliare qualche fetta di spalla per fare colazione al termine di una camminata che aveva portato ancora una volta Enzo Centri a Vertine per la realizzazione di un foto documentario che da li a poco sarebbe stato proiettato durante la festa di settembre nel garage di Nello.

Quel documentario ritraeva le persone del luogo intente nelle loro abituali occupazioni di orti,  bucati, chiacchiere al parco, giochi di pallone in piazza e alla pista e fra una fetta di pane, una fetta di spalla, un bicchiere di vino, narrava la storia del Chianti e di questo piccolo grande posto che è Vertine.

E quando con Filippo pulimmo e riportammo alla luce la vecchia fonte i suoi occhi brillavano e volevano rivederla e ce lo portammo e seduto su un sasso in mezzo alla via che porta agli orti di Parabuio, si gustò quella luce fioca e fresca che filtrava dalle foglie di quercia e si parlava, si diceva come è stato ridotto il Chianti e di come il suo nome fosse straripato troppo in largo, abbracciando zone che con il Chianti, storicamente niente aveva a che fare.
Altre parole non vengono, sono come sospese in un limbo di farfalle che stamani non è facile afferrare e imprimere sulla tastiera, per cui è meglio smettere di scrivere e non finire mai di ricordarti come una grande persona che amava il Chianti e veniva sempre con passione a spiegarlo ai turisti o alle persone incontrate per caso, semplicemente per il gusto di farlo.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Fotografie 2015, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

0 risposte a Enzo Centri

  1. laura ha detto:

    Era un Personaggio di quelli che saresti stato ad ascoltarlo all’infinito. Ricordo di quando veniva a scuola a trovare la moglie in classe, la mia Maestra Simonetta, e se ne andava sempre con la stessa frase: “E se vi manca qualcosa, fatevelo comprare!”

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...