Quando il cinghiale non produce danni ma sugo per le tagliatelle

Vendetta, tremenda vendetta, dopo che il cinghiale distrugge orti, muri a secco, razzia uva nelle vigne, frutta, prati, distrugge il suolo dei funghi nei boschi.

Quando il cinghiale finisce nel tegame c’è un senso di pace e di rivalsa per tutti i danni che produce con la sua abnorme presenza allevata da una colonia di bipedi assatanati.

La Teresa parte con un soffritto di cipolla, carota, sedano, aglio, vino rosso. Mette una salsiccia, una fetta di rigatino, il trito di cinghiale, allunga con un brodo vegetale durante la cottura, poi passata o pomodoro a fuoco lento per tre ore.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, cose buone dal mondo, Federica, Fotografie 2015, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...