In Chiantisette parla dell’annientamento della collina di Adine in Chianti per realizzare appartamenti e cantina

Un articolo di Claudio Coli pone nuovamente al centro dell’attenzione lo scempio edilizio perpretato sulle colline del Chianti dalla Negri Vigneti SRL, che dichiara nel proprio sito di essere “tutore e protettore dell’ambiente“, ma che nel silenzio del “quieto vivere”, sbanca colline.
Ad Adine gli abitanti si sono sollevati in una rabbia e indignazione che non ha prodotto grandi frutti se non la consapevolezza dell’essere inascoltati ed essere soli, ma chi ama, protegge e rispetta il luogo in cui vive scopre sempre di non essere mai solo.

Verranno giorni in cui gli atti svolti dall’amministrazione che nel mandato 2005/2009 invitava a vedere la Buca Sotto Vertine il presidente Obama, forti di un articolo su Forbes che diceva che “Gaiole era il posto più bello del mondo per vivere”, saranno passati al pettine.
Articolo che al tempo gli opinionisti di piazza presero al volo come un vanto, ma chi scrive considerava e considera tutt’ora come la ciliegina su una torta di territorio da sfregiare a piacimento senza avere tanti cavilli e vincoli.
Poi il sequestro dell’Hotel Le Corta da parte della Guardia Forestale iniziò a far scricchilare il sistema. Pare che la cantina di Adine sia un colpo di reni di quel periodo amministrativo.

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, Etruscany, Fotografie 2015, italians, La porta di Vertine, La Porta di....., Porcate, Storie di Testa Pelata, svinato e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

0 risposte a In Chiantisette parla dell’annientamento della collina di Adine in Chianti per realizzare appartamenti e cantina

  1. Simone ha detto:

    La demolizione solo se è spontanea estingue il reato, ma però di abbattimenti se ne vedono pochi, tranne qualche annesso agricolo, di cui due buttati velocemente in terra proprio dalla Negri Vigneti che sta costruendo ad Adine.
    Eppure di volumetrie oltre la norma, piani interrati, ampliamenti di case coloniche in zone vincolate se ne contano a centinaia e invece di far rispettare le norme e i vincoli, troppo spesso accade che venga messa una toppa per regolarizzare le posizioni, senza poi tener conto che di sanatorie edilizie non ve ne sono state più da tanti anni……

    Mi piace

  2. Paola ha detto:

    Dopo aver letto l’articolo della scorsa settimana mi ero ripromessa di andare a vedere cosa stesse succedendo ad Adine e ciò che ho visto non mi è piaciuto per niente.
    Nelle foto si vedeva la devastazione, ma dal vivo l’effetto è ancora più crudo di quanto non mi fossi immaginata.
    Fare una cantina in quel punto, lontano da ogni via di comunicazione e con una stradina in cui neanche ci si può scambiare è privo di ogni logica…. ci sono tante strutture in disuso che hanno a due passi dalle vigne…. perchè se si dichiarano “biologici e tutori dell’ambiente” non hanno preso una di quelle invece di spianare una collina???

    Mi piace

  3. ragno ha detto:

    Nel giornale dicono che il cantiere è fermo, ma non è vero perchè passano sempre grandissimi camion diretti verso la collina disfatta…..

    Mi piace

  4. Alessandro ha detto:

    I Lugosch ancora non hanno capito che in tutti questi anni si sono affidati a una massa di cimici che li hanno depredati facendogli fare la figura delle comiche del vino 🙂

    Mi piace

  5. Daniela ha detto:

    La Negri Vigneti è come l’EXPO di Milano…. un grande successo!!!! 🙂

    Mi piace

  6. massimo ha detto:

    Neanche cinquant’anni di amministrazione democristiana è riuscita a fare i troiai come negli ultimi anni… bravi compagni!!!!

    Mi piace

  7. an ha detto:

    Ci sono amministrazioni succubi del riccastro di turno, altre complici, altre si mettono di traverso alle speculazioni del territorio, ma sono poche.
    Vivendo lontana, vedo la Toscana ogni tanto e la trovo sempre più irriconoscibile e cartolina di se stessa, con la finta dolcezza di idilliache colline riempite di cipressi, cancelli, piscine e costruzioni di ogni tipo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...