Un fine settimana a Parigi con Francesca Ciancio su Agrodolce

Quando abbiamo prenotato volo e stanza per Parigi, mai avremmo immaginato di vivere 4 giorni nella settimana più tragica della repubblica francese. Il nostro aereo è per l’alba del giorno dopo l’attentato a Charlie Hebdo: ci chiediamo che fare. Non è tanto la paura a frenarci, quanto l’idea che tutto sarebbe stato più difficile: spostamenti, controlli, clima generale. Egoisticamente abbiamo pensato che il nostro weekend lungo sarebbe stato penalizzato o quantomeno diverso da come lo avevamo immaginato. E infatti lo è stato.

L’arrivo a Parigi Orly è al mattino presto. Ho sonno e fa freddo. Anzi no, è umido come spesso è Parigi d’inverno: cielo velato, poco sole, pioggia sottile. L’hotel è nel Marais, in linea d’aria èvicinissimo al luogo dell’attentato. le baratin è un bistrot molto francese, arredato il giusto e con un personale cortese Il primo appuntamento culinario nto culinario è nel quartiere di Belleville, da Le Baratin (3 Rue Jouye-Rouve), un bistrot molto francese che per me vuol dire minimalismo non asettico, arredato quanto basta e con personale cortese ma senza moine. Il menu varia spesso, è scritto sulla lavagna e offre due opzioni, due o tre piatti, per un prezzo che va dai 14 ai 19 euro. Prendo una zuppa di vongole e cozze dalla tendenza appena dolce per la presenza di besciamella. Gustosissima per il contrasto tra sapido e dolce, freschi i mitili, scarpetta assicurata. Il secondo piatto è carne d’anatra accompagnata da tutte quelle verdure che vedi trionfare nei mercati rionali. Di alcuni tuberi è difficile pure immaginare l’esistenza per noi. La cottura è giusta e le verdure saporite. Chiudo con un dolce confortevole, il riso al latte. Al bicchiere un Arbois Pupillin di Pierre Overnoy: al calice hanno un 2001, roba da comprargli le bottiglie e portarsele via.

Il pomeriggio passa nel Museo di Picasso (5 Rue de Thorigny), riaperto, con un nuovo allestimento, da poco più di un anno. Oltre 3000 pezzi tra disegni, incisioni, dipinti, ceramiche e sculture. E tutti fotografabili, anzi la condivisione social è incentivata. Il secondo regalo che fa Picasso è la sua collezione personale di opere di Cezànne, Degas, Rousseau, Seraut, De Chirico, Modigliani, Matisse. Questa è la zona del Pletzl, del quartiere ebraico che di yiddish sembra conservare poco in verità. Appena una zona si fa cool, arriva l’orda delle boutique senza prezzi in vetrina e delle gallerie d’arte contemporanea (quasi sempre vuote). In Rue des Rosiers ci sono tuttavia ancora i negozi di falafel che vantano la fama di essere i migliori al mondo.

Non ci spostiamo di tanto dall’hotel e rimaniamo nel Marais. Ceniamo da Au Passage (1 Bis Passage St Sebastien), un petit bar de quartier, molto raw: essenziale nell’arredamento, mise en place minimale (le tovagliette sembrano del tutto sparite nei locali alla moda), cameriere snelle, agili e tatuate, e ingredienti e preparazioni piuttosto basici (crudi, affumicature, barbecue o temperature frozen). da au passage si possono ordinare i piatti in versione tapas: si prova di più e si spende meno L’immancabile lavagna con il menu scritto a gessetto fa il resto. Carina la formula dei piatti tapas da condividere: si possono così assaggiare più cose senza spendere tanto. Ho amato molto la zuppa di formaggio e foie gras e il crudo di rana pescatrice. Saporiti i crostini di paté di pollo e fegato d’oca. Anche la spalla di agnello viene servita a bocconcini, così da poter dividere il piatto – e semmai la spesa – in due. Carta dei vini piuttosto naturale con prezzi non eccessivi. La sala sembra preferire Beaujolais. All’uscita, lunga passeggiata per rue Oberkampf, con altissima concentrazione di locali à la page: si fuma, si beve, si chiacchiera, si flirta. Come in un giorno normale, come in una settimana normale.

Mattinata da percorso classico: Torre Eiffel, Les Envalides e rifiuto di visitare la tomba di Napoleone. La scoperta è il Musée du Quai Branly (37 Quai Branly), una collezione mastodontica sull’arte popolare extraeuropea: Oceania, Americhe, Africa e Asia. Si passa dal mantello di uno sciamano tunguso a l’ermafrodito della cultura Soninke e c’è anche il palo-totem dell’orso.

Scatta l’ora del languore preprandiale e mi metto in testa che ci vuole uno di quei dolci molto francesi. L’indirizzo lo trovo in una free press della metro che si chiama Anous e il posto è Profiterole Cherie (17 Rue Debelleyme). Aperto da meno di un anno, questo negozio, che somiglia alla casa di Barbie, appaga gli istinti più zuccherosi: tutto è rosa, con sfumature di rosa e bianco latte. Il patron è Philippe Urruca, di origine spagnola ed eletto miglior pasticcere di Francia anni fa; pare che sia anche un famoso personaggio catodico. Fa solo profiterole e li prepara al momento. La scelta è tra una dozzina di ricette, in versione glacées o con creme.

La carica di zuccheri incamerata consente la visita a un altro museo, quello di Rodin (79 Rue de Varenne) in zona Saint Germain, un momento squisitamente parigino: l’inverno non è il momento migliore per passeggiare al freddo nel giardino punteggiato di sculture dell’artista. A primavera, con il roseto in fiore, deve essere tutt’altra cosa, ma la visione de Le Basier, la statua marmorea dove la donna ha lo stesso slancio passionale del compagno (cosa assai ardita per l’epoca), vale le mani intirizzite.

L’umore cambia a ora di pranzo. Arriva la notizia di un sequestro di persone in un supermercato kosher, a Port de Vincennes, a est di Parigi. Intorno è tutto tranquillo, però un leggero senso di terrore ti prende: un po’ come sentirsi braccati in un recinto molto grande. un locale piccolo ed essenziale che fa buon uso dei prodotti di stagione Si decide per il ritorno in hotel nel timore che chiudano le stazioni della metro. Andiamo a cena da Chatomat (6 rue Victor Letalle) con il cuore un po’ in gola. Altro bistrot in zona Menilmontant, altro locale piccolo ed essenziale: pareti bianche, luci soffuse, un paio di quadri e niente tovagliette in tavola. La cucina è minuscola e l’atmosfera – ma sarebbe strano il contrario – pudica e sommessa. Menu a 40 euro per tre piatti, più entratina e mignardise. Grande uso – per quantità ed esecuzione – di verdure e ortaggi di stagione; tocchi asiatici dati dall’uso della soia; nettissima pulizia dei sapori che, pur non essendo esplosivi, danno la misura esatta di ciò che stai mangiando (e non sempre nella cucina francese è così). Chatomat è un posto gentile.

Aspettiamo che si facciano le 11 per andare al 133 di rue de Turenne dove c’è la pasticceria, ops, chocolaterie di Jacques Genin. L’esperienza estetica anticipa quella gustativa. Il locale gioca sui toni delle materie prime in uso. Mi tocca esser sincera: non ho mangiato né cioccolato né la mitica millefoglie, ma la galette de rois (à la frangipane) sì. Un fettone enorme, così grosso che ho trovato dentro il re (uso vuole che nel ripieno ci sia una fava o un fagiolo, chi lo scova conquista la coroncina di carta della confezione). Scopro così che esiste la pasta sfoglia a rovescio, dove è il burro ad avvolgere la sfoglia e non viceversa. Siamo oltre l’overdose mattutina di croissant. Per me quell’odore e quel sapore saranno per sempre Parigi.

L’insert culturale qui è il cimitero di Père-Lachaise (16 Rue du Repos) dove vedo che: i cinesi sono seppelliti e hanno tombe addobbatissime; Edith Piaf ha una tomba minuscola e nemmeno in esclusiva; quella di Oscar Wilde ha più baci a stampo di quella di Jim Morrison; se non molli 10 euro agli accompagnatori, non ufficiali ma tollerati, col cavolo che trovi le tombe vip. Le cene che seguono – due – sono a casa di amici, quindi sorvolerei (a meno che non vogliate segnarvi anche i loro indirizzi).

#jesuischarlie è ovunque, la città ne è tappezzata; è il giorno della manifestazione. Andarci non è un dovere, è una scelta meravigliosa. Abbiamo tempo per un giro a Marché Bastille (Boulevard Richard Lenoir), il mercato all’aperto del quartiere: è il teatro di poissonnier, crustacés, coquillages, huître e ancora beurre, oeufs, fromage, pommes de ter, volailles. In italiano sono cose che abbiamo anche noi, ma qui non sono esposte, sfilano, un marché couture. Bastille è un posto affascinante: non del tutto ripulito da quell’aria un po’ anni ’70, ex quartiere operaio, oggi bohèmienne ma senza la spocchia di Saint Germain.

Prima di mezzogiorno i parigini di Bastille mangiano le ostriche appoggiati sul cofano delle auto, sul tetto invece appoggiano il bicchiere di muscadet. L’ho visto a Le Baron Rouge (1 Rue Théophile Roussel), ovvero il locale che vorresti sotto casa insieme al giornalaio e al negozio del cinese sempre aperto. Molto semplice: l’ostricaro, all’esterno, apre le ostriche che scegli, te le porge con un piattino di pane scuro, burro e limone, entri nel locale, scegli il vino e consumi. Il pomeriggio fino a sera scorre a passo di lumaca: c’è un po’ di sole, l’arcobaleno, un milione (diranno due, tre, quattro) di facce, la marsigliese, nessuna bandiera di partito. A me pare di aver visto un popolo.

Francesca Ciancio

Questa voce è stata pubblicata in Avec di Francesca Ciancio, Fotografie 2015 e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...