Selezione della malvasia bianca per un lento appassimento che porta al vinsanto

La prima uva raccolta, la malvasia, è quella che avrà vita più lunga e intensa prima di poter finire nel bicchiere.
I grappoli scelti e radiografati nella loro forma migliore vengono raccolti in cassette in cui al massimo possono essere messi 4 chili d’uva e qui sostano per un periodo variabile in una stanza fresca e ventilata in modo da fare delle bellissime rughe facciali che concentrano zucchero.

La settimana santa è quella più attinente alla pressatura e sgrondatura per alimentare i caratelli di un liquido denso, quasi marrone che per almeno tre anni subirà le bizze climatiche delle stagioni prima di essere svinato, messo a riposare nelle damigiane e tenuto nascosto o bevuto prima che passi un prete e lo rapisca con la scusa che gli serve per dire messa.

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, fare vino, Federica, fotografie 2014, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...