La porta dell’iris bianco

Comunemente conosciuto come giaggiolo, fiore di aprile/maggio dalle cui radici si ricava un essenza pregiata e molto usata in profumeria, emblema della campagna prima che istrici e cinghiali divorassero ogni speranza.

Questo fiore bianco ha radici antiche, ma la porta vera rimane il violaceo: la sua forma più coerente e caratteristica.

Questa voce è stata pubblicata in fotografie 2012, La Porta di...... Contrassegna il permalink.

0 risposte a La porta dell’iris bianco

  1. Elisabetta Viti ha detto:

    …bello…io ce l’ho azzurro,e “nero”,…tanto è viola scuro, scuro…Se qlkuno ne vuole,offro le piantine….Ne ho visti anche di gialli,…un saluto eli

    Mi piace

  2. Liz ha detto:

    Iris vuol dire “Arcobaleno”; adoro la sua profumazione delicata. Qualche giorno fa ho letto che una scelta attenta permette di averli fioriti tutto l’arco dell’anno… mica male!

    Mi piace

  3. anna maria ha detto:

    Sono dei fiori bellissimi tanto che qualche anno fa, non sapendo della golosità dei cinghiali, avevo messo a dimora ben 120 bulbi lungo una scarpata….. ho appena potuto vedere che stavano venendo fuori quando una mattina ho trovato tutto devastato ..non c’era più una piantina!!!
    Per cui devo rinunciare alla bellissima offerta
    Buona giornata a tutti
    Anna Maria

    Mi piace

  4. Filippo Cintolesi ha detto:

    Ben prima che i cinghiali diventassero un problema, anzi prima ancora che se ne vedesse uno soltanto, cioe’ nei primi anni settanta, altro bestio notturno fece respice finem dei giaggioli piantati intorno casa al salvino: l’istrice che e’ ghiottissima dei rizomi.

    Mi piace

  5. Andrea Pagliantini ha detto:

    Altra bestiaccia che divora i giaggioli, o meglio li tira fuori e li assaggia tutti per scherno più che per fame.
    Negli anni settanta era il dramma degli ortolani l’istrice, che in una notte era capace di assaggiare ogni singolo frutto dell’orto e disintegrare tutto solo per divertimento.
    Fu in quegli anni che la zia Angiola a Vertine ne cosse uno per tutto il paese e si fece una gran festa.

    Mi piace

  6. Rana87 ha detto:

    …mhm…il Giaggiolo…che bei ricordi !!Grazie di queste meravigliose immagini mi hai riportato indietro sino all’infanzia!

    Mi piace

  7. silvana biasutti ha detto:

    Per evitare che istrici e cinghiali facciano strage degli iris suggerisco di piantare attorno a essi gigli bianchi, i cui rizomi velenosi tengono lontani i simpatici animaloni.
    Me l’hanno insegnato i vicini della Costaccia. Loro son morti, ma i loro insegnamenti no.
    Inoltre i gligli fiorendo un mese dopo, circa, protraggono nell’anno profumi e visioni.

    Mi piace

  8. Liz ha detto:

    Avete capito, il trucchetto sempre c’è😉

    Mi piace

  9. Roberto/Trescogli ha detto:

    “Fior di giaggiolo, fior di giaggiolo, gli angeli belli stanno a mille in cielo, ma bello come sei tu ce n’è uno solo…”

    Mi piace

  10. Andrea Pagliantini ha detto:

    Bella l’opera, ma meno male Roberto che hai messo i sottotitoli perchè le parole che cantano non si riesce mai a capirle, un poco come la messa in latino.

    Mi piace

  11. silvana biasutti ha detto:

    Però vuoi mettere la messa in latino?!
    A volte, non capire o solo intuire è meglio. Così ci si mette del proprio e si sente solo quello che si vorrebbe fosse detto…

    Mi piace

  12. Andrea Pagliantini ha detto:

    Io la messa in latino dentro me stesso la doppierei con le voci del conte Mascetti, del Perozzi, del Melandri, del Sassaroli e del Necchi.
    Non per blasfemia sia chiaro, semplicemente per renderla più scoppiettante e con un finale a sorpresa.

    Mi piace

  13. Nelle Nuvole ha detto:

    Dove abitavo anni fa erano tutti iris viola pallido, tendente al lilla. Salendo dopo la curva per Fonterenza, passando la Costaccia si era accompagnati dalla visione dei terrazzamenti incorniciati da quel colore mai passato di moda. Anticipazione dell’estate.

    Mi piace

  14. Andrea Pagliantini ha detto:

    Poco da fare, istrici e cinghiali avranno fatto incetta.
    Una delle poche oasi di giaggioli rimasti al momento pare sia solo Lamole, in provincia di Firenze.

    Mi piace

  15. Nelle Nuvole ha detto:

    Vieni da queste parti e poi ne riparliamo.

    Mi piace

  16. Andrea Pagliantini ha detto:

    Mi piacerebbe vederli, ma senza scendere tanto nei dettagli, il lato dolente è proprio lo stare in macchina….

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...