Lavanda azzurro mare

Sotto lo sguardo vigile del dottor Gighen, gatto craxiano, in un raro barlume di sole è iniziata l’opera di partigianeria del paesaggio con la stesa di un filo per dare la direzione alle piantine di lavanda nel bel piano dell’Oliveta della Cappella.

Da giugno si vedranno onde di mare azzurro fra gli ulivi e le ginestre, fruibile e camminabile da chiunque, sperando, dopo aver fatto delle belle buche non ci siano fallanze di alcun tipo.

Piccolo gesto d’affetto per un luogo ora  pulito e poi  colorato.

Questa voce è stata pubblicata in campino e olio, fotografie, La porta di Vertine. Contrassegna il permalink.

0 risposte a Lavanda azzurro mare

  1. Stefania ha detto:

    I blog………..bellissimo strumento che ha fatto incontrare tante belle persone…pensa te da un semplice post sulla lavanda cosa è venuto fuori….sarà un oliveta speciale….davvero….

    "Mi piace"

  2. davidebonucci ha detto:

    Sai che ti dico, mi hai fatto venire voglia di rivedere il Campino (te ti ho visto domenica, è fresca fresca): oggi passo a trovatti! 🙂

    "Mi piace"

  3. vita ha detto:

    Anche io sono un ‘assidua piantatrice di lavanda, negli Orbachi sono anni che la curo ed ora anche nel mio giardino.Pensa che non ho mai comprato una pianta!!
    Da qui in avanti avrai da potare oltre gli olivi anche la lavanda……per non farla diventare legnosa!

    "Mi piace"

  4. Ci ha detto:

    Occhio a fare le buche di zappa o simili…
    Si, c’è poco da dire, solo che dove arrivi e metti mano restituisci pulito e bellezza e questa oliveta sarà magnifica.
    Ma Panezio, il canguro della Cappella, la mangia la lavanda?

    "Mi piace"

  5. Dario ha detto:

    Se Gighen si presenta alle elezioni è la volta che voto socialista

    "Mi piace"

  6. Liz ha detto:

    Oltre a essere un bel vedere, dalla Lavanda si ottiene un miele molto buono e aromatico. Ho sentito che anche viene usata per aromatizzare il vino bianco e l’aceto…

    "Mi piace"

  7. Andrea Pagliantini ha detto:

    Il blog è stato il veicolo di molte cose, compreso l’aver avuto la possibilità e l’onore di conoscere tante persone, fra cui Lorenzo Domini, coltivatore e distillatore di lavanda, fiori ed aromatiche.
    E le piante che sono andate ad abbellire l’Oliveta della Cappella sono state selezionate da lui.
    Potarla non sarà certo un problema ma un piacere e dei fiori di lavanda usciranno ne godranno le signore del luogo e molte altre persone.
    Sò anche che il miele di lavanda è pregiato e buonissimo, c’è il caso di fare anche quello…..
    E a cose fatte certifico che è arrivato Davide Bonucci con la cinepresa a riprendere quella fava di gatto craxiano che dirige i lavori.
    In vari posti c’erano dei bei sassi, ma con il palo di ferro le buche sono andate in profondità a scassare e a cercare terra, credo di aver fatto le cose per bene, poi a primavera inizierà il riempimento dell’azzurro mare fra gli ulivi.

    "Mi piace"

  8. Andrea Pagliantini ha detto:

    @ Dario
    dimenticavo…… a proprosito dei socialisti, anche se hanno il bel volto e lo spirito di Gighen non li voto nemmeno con le baionette alle spalle…
    La gente ha sempre poca memoria.

    "Mi piace"

  9. Laura ha detto:

    Che meraviglia di cose!!!!!!!!

    "Mi piace"

  10. davidebonucci ha detto:

    Due ore tra le più belle e istruttive degli ultimi tempi. Non parlo del Gatto Gighen ma di quello che ci siamo detti… 😉
    Se penso a quanto tempo perdiamo davanti alla TV o a leggere giornali, mentre le nostre campagne possono raccontare de visu storie infinatamente più interessanti, reali e vicine… Grazie…

    "Mi piace"

  11. Dario ha detto:

    Io invece, proprio a causa della memoria, un socialismo lombardiano lo voterei. Ma questi sono altri discorsi che non è il caso di fare qui e ora.
    Comunque, sempre Gighen for president.
    ciao

    "Mi piace"

  12. Andrea Pagliantini ha detto:

    Riccardo Lombardi se non erro è stato il primo Prefetto di milano dopo la Liberazione e aveva idee, non parenti e amici da sistemare in regione e provincia e niente da spartire con quel ciarpame s’era abituati a vedere.

    "Mi piace"

  13. Pingback: Andrea Pagliantini » Blog Archive » Aulenza di lavanda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...