Infiorata d’aprile

Mentre il genere umano va allo scatafascio e si inebria di distruzione, muscoli e rabbia, nel silenzio che le è sobriamente conforme, la campagna si veste di piccoli diademi visivi e olfattivi striminziti dal gelo della notte e dalla sete asciugata dal vento.
Un campionario di come poche parole scandite, pulite e chiare abbiano il peso dell’oro.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2022, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...