Singhiozzi di violini d’autunno fra Brolio e Podernovi

Come una poesia di Verlaine, ma senza bisogno di parole, chiudendo i pensieri, concentrando attenzione verso il silenzio e pulsazioni di pensieri e scivolamento di tempi, egoismi, ritemprando le gesta di chi combatteva gli eroici mulini a vento, affondando gli speroni, nel costato di Ronzinante.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2021. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...