Potare gli ulivi

Di sega, forbici e scala sono muniti i potatori resistenti, i più moderni, si dotano invece di belle e pratiche forbici elettriche, ma il disegno, la sagoma, l’estetica non cambiano la bellezza di un ulivo sapientemente potato, semmai si attenuano dei fastidiosi dolori muscolari alle braccia.
Molte le olivete che sembrano appena passate da una squadra di Lanzichenecchi: amputati, scapati, lasciati con tre fogline in rami sporgenti due metri.
Il professor Alfredo Roventini, per questo, geme, piange, si dispera ogni giorno, dalla sua nuvola, guardando da sopra il paesaggio terrestre.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Etruscany, Federica, Fotografie 2021, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...