Il foliage della Villa a Sesta

Nel capoluogo il deserto dei tartari o il rotolo di macchia gazzina trasportato dal fischio del vento come da tipico film western, diventa quasi il fare quotidiano, mentre nella brillante frazione poco distante, sede del mitico Dit’Unto, del Circolo che ha dato il nome al piccolo dei coniugi Megan e Harry e di ben due ristoranti stellati,  ci sono famiglie a passeggio o alle panchine, bimbi alle giostre, movimento continuo e Amministrazione fin qui latente.

Intorno è un condito di foglie scintillanti e cappelline di funghi colorati che emergono dal suolo ( non pertinenti al piatto)  ma gnomi immobili che rallegrano l’umido del bosco.
La distanza dall’aridità dei tempi è garantita, la vicinanza con l’eleganza naturale dei filari e delle chiome è rigenerarsi in scioltezza.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Berardenga, Cartoline dalla Berardenga, Federica, Fotografie 2020 e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...