Cinghialini in libera uscita

L’arido del clima torrido, non invita i cinghiali a cibarsi del solito pane e granturco che i loro “alimentaristi” lasciano sparsi nei boschi, ma invita gli ungulati alla ricerca di qualcosa di più fresco e piacevole da mangiare.
I pochi alberi da frutto non avvolti da reti o protezioni, rappresentano una ghiotta occasione di svago alimentare per un gruppo di quattro cinghialini.
Molto ambite sono le more di gelso e le piccole susine rosse dolci, ma dal retrogusto asprino, che ogni tanto, sfatte, cascano dalla pianta.

Come dei gattini, i cinghialini si avvicinano e quasi si fanno toccare, dopo aver spolverato le susine in terra, trotterellando, allegri, tornano nel bosco.

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, Etruscany, Fotografie 2017, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...