Lo zibibbo di Pantelleria decretato dall’Unesco patrimonio dell’umanità

Qui sopra, le foto scattate da Francesca Ciancio  – penna narratrice struggente intinta nella bellezza della Sicilia – sono istanti permanenti di vendemmia a Pantelleria, isola nell’isola cantuccio d’Italia in balia delle onde mediterranee che, unica al mondo, da oggi può vantare la sua produzione di uva zibibbo destinata a diventare passito come Patrimonio dell’Umanità decretato dall’Unesco.
All’interno delle sponde di mare in cui si infrangono onde e sogni di libertà e fuga, la vite allevata ad alberello nano per proteggerla dall’insidiose nerbate di Eolo, appunta al seno il riconoscimento più importante di radici nella resistenza della luce più luce accecante del sud.

Oggi è un buon giorno per chi ama le doglie di un vino che nasce in un suolo crudo e difficile, per chi il vino lo beve con rispetto, per chi come Francesca scrive così bene gli atri e ventricoli di questa terra beneamata da Bacco, Afrodite, Zeus e dai concerti di Al Bano e Baglioni.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Avec di Francesca Ciancio, cose buone dal mondo, fare vino e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

0 risposte a Lo zibibbo di Pantelleria decretato dall’Unesco patrimonio dell’umanità

  1. an ha detto:

    Ma questo vuole essere un omaggio allo zibibbo o alla Ciancio?……..

    Mi piace

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Un omaggio allo zibibbo e a Pantelleria sicuramente e anche a Francesca Ciancio che in Sicilia è spesso e ne scrive piacevolmente su tanti giornali di carta a grande tiratura nazionale.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...