Commozione di rugiada nell’uva di prima mattina

Due giovani coniugi milanesi con deliziosa bimba dagli occhi celesti e con i boccoli d’oro arrivano in vacanza per qualche giorno nel Chianti ospiti di un agriturismo il cui proprietario è una scherzosa espressione del buonumore burlone che abitava normalmente queste contrade.
” Di dove avete detto che siete?”
” Di in Milano”
Ummm poracci che siete, meglio passare oltre…. ” Ma che bella bambina che avete, o come ti chiami bella piccina?”

Silenzio di tomba come quasi sempre avviene quando a un bambino si rivolge d’impeto questo domanda.
“Si chiama Rugiada” risponde la mamma al silenzio della bambina
” Ma lo sapete che siete parecchio fortunati voi a Milano?”
“Fortunati? Beh, no, nèèèèèè, non lo sappiamo, come mai crede che siamo fortunati a essere di in Milano?” riprende il babbo

“Certo che siete fortunati. Dalle vostri parti l’umidità della mattina si chiama Rugiada, ma dalle nostre si chiama Guazza…… E i chicchi dell’uva bagnati che si rinnovano al nascere del sole sono una forma di espressione filigranata di una minuta bellezza piccina.
Questo nelle foto è il caro canaiolo, il vero merlò del Chianti.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, fare vino, Federica, fotografie 2014, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...