ASI Tractors, le macchine che permisero ai buoi di riposare nelle stalle e il compleanno dei Carabinieri

Quando t’intravidi su per l’aia il mi cuore batteva come un Landini al minimo.

Potrebbe essere il motto di questa riedizione in chiave moderna di “Pane, amore e fantasia” dove il Maresciallo Carotenuto Cav. Antonio stravede per una bellissima Gina Lollobrigida.
Gli ingredienti ci sono: una campagna chiantigiana di giugno ma tinta di vento e scaglie di marzo. Dei trattori arte e genio della meccanica degli anni ’50 e ’60 (Landini, Oto, Porche, Lilliput, Ferrari ecc.) più una Locomobile a vapore della ditta Romei di Siena datata 1912 portati dall’ASI di Assisi (Automotoclub Storico Italiano) per quella che potrebbe essere definita una prova per L’Eroica dei Trattori.
E in queste carburazioni portentose, nelle teste calde da scaldare con le fiaccole e da mettere in moto con i volani, c’era anche un compleanno speciale: quello dei Carabinieri che compiono 200 anni. E come ha detto l’ex capitano istruttore Mino Faralli: “Il Carabiniere ha nella Giulietta la sua fidanzata”.
E infatti, sotto l’asta dell’alza bandiera si trovavano due splendide giuliette dell’Alfa Romeo a ricordare il sacrificio di Salvo D’Acquisto, del Generale Dalla Chiesa, dei dodici Carabinieri trucidati alle Fosse Ardeatine, gli uomini della scorta di Aldo Moro, tutte le vittime di mafia, terrorismo o di un giorno qualsiasi.

Il capitano Bellodi, protagonista del romanzo “Il giorno della civetta” di Leonardo Sciascia, interpretato al cinema da Franco Nero.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, fotografie 2014 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

0 risposte a ASI Tractors, le macchine che permisero ai buoi di riposare nelle stalle e il compleanno dei Carabinieri

  1. Dario ha detto:

    Quando si chiedeva a mia nonna, che era di Pianella, “e poi… e poi… e poi?” lei troncava dicendo “si legan le vacche e si slegano i buoi”.

    "Mi piace"

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Mentre dalle mie parti, pochi chilometri oltre, questo detto non si conosce perchè non ci tornerebbe la rima.
    Qui si dice bovi e non buoi, però si sa che tirano meno un paio di bovi di altra cosa 🙂

    "Mi piace"

  3. cristian ha detto:

    Dove si è svolta questa mostra?

    "Mi piace"

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    Sotto Vertine.

    "Mi piace"

  5. Pingback: Nostalgia dell’aia: rievocazione della trebbiatura del grano a Pianella, Castelnuovo Berardenga | Andrea Pagliantini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...