Chianti Classico Podere Campacci 2007

Brillante rosso rubino delle origini, campo di fiori, fatto per bere e ribere con piacere.

Otto ettari a ridosso del borgo di San Gusmè con Sangiovese e Canaiolo per il rosso, Trebbiano e Malvasia per bianco e soprattutto Vin Santo, vigneti piantati negli anni ’60 in una magnifica esposizione e posizione.

Vinificazione nel cemento, sfecciatura nell’acciaio, invecchiamento in grandi botti senza tempo da 34, 58  e tino coperto da 80 hl senza nessuna barrique in cantina.

Non c’è merlot, non c’è cabernet, niente petit verdot e pinot a puà, niente barrique………….. eresia da scomunica?

Il Consorzio Chianti Classico predica la tradizione, la qualità………….   in vitigni che  chianteggiano.

Podere Campacci.

Questa voce è stata pubblicata in degustazioni, Fotografie 2010. Contrassegna il permalink.

0 risposte a Chianti Classico Podere Campacci 2007

  1. ag ha detto:

    Andrea buonasera e auguri.
    Perdona la superbia ma un po’ di ordine, un po’ di pulizia e una telefonatina a Garbellotto, no, eh?

    Mi piace

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Non ti dò torto ag, però ha il suo fascino perchè è ruspante, quello che c’è è visibile a chiunque.

    Mi piace

  3. ag ha detto:

    Buongiorno.
    Non è ruspante, è sporco quello. E in cantina senza pulizia si va poco lontano.

    Mi piace

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    Non brilla per ordine, questo è certo.
    Ho visto cantine migliori, ma anche di peggio, però fra la supertecnologica, quella con l’osmosi inversa, quella che propone nani e ballerine e il vino non si sà da dove viene, quella dei vitigni che chianteggiano e non ci dovrebbero essere ecc io preferisco una realtà “ruspante” come questa.
    Sotto certi aspetti almeno è pulita.

    Mi piace

  5. ag ha detto:

    Almeno qui parliamo senza metafore….. il mio amico Brett e le mie amiche Fecce mi sa che in quella cantina ci sguazzano

    Mi piace

  6. Andrea Pagliantini ha detto:

    Brettanomice e Feccia se ne faranno una ragione.
    C’è una bella botteghina, la possibilità di far due chiacchiere fuori dalle solite solfe stile temperatura di servizio, tannino croccante, winemaker e delicata selezione delle uve in follature morbide ecc. ecc. imparate a memoria………… basta plastica, meglio un muro scrostato e due chiacchiere in libertà che le solite lagne da liturgia.
    E’ vino, un siamo mica alla messa!!!! E questa piccola realtà è lo specchio di come si era e per certi versi ruspanti di umana semplicità come si potrebbe tornare ad essere………….. dopo essersi leccati le ferite di questa crisi che lascia per il culo per terra.

    Mi piace

  7. Pingback: Petit Verdot

  8. Pingback: Occhiali sulla Berardenga | Andrea Pagliantini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...