Berardenga, la scomparsa di Arrigo Boito

busto arrigo boito villa chigi saracini

“Eppure c’era” è la frase che sovente ha accompagnato la visita delle tante persone che hanno varcato i cancelli della Villa Chigi Saracini nel capoluogo della Berardenga, nella due giorni della “Storia e dell’arte”.
Il busto del grande compositore e librettista Arrigo Boito, realizzato da Vico Consorti, in effetti c’era, a lato del Kaffeehaus, nel vialetto che porta alla fontana di Tito Sarrocchi.
Il timore che, dopo tanti anni di silente abbandono il busto del musicista se ne fosse andato sdegnato, era reale e persistente, ma sollevando una gran mole di frasca di alloro, l’una volta candida opera di marmo, ricompare in quel grigio mimetico, come il poco distante cappotto di Giuseppe Verdi.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Berardenga, Etruscany, Federica, Fotografie 2022, italians, La Porta di..... e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...