Una moquette di rapi e cavolacci

Respirare, nutrendo l’olfatto di sublimi frequenze di miele che sorge dai fiori gialli dei rapi, dai fiori bianchi dei cavolacci, nel frastuono impazzito di api, nel loro prodigarsi di polline alle arnie.

Ulivastri che volano in terra, estraniarsi voracemente dalla rabbia prevalente.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2022, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...