Un sasso da Vertine e dal Salento sulla tomba di Italo Calvino

Uno di quei piccoli sassi di alberese che i cinghiali di notte rovesciano dal Campino degli ulivi sulla strada comunale che porta a Vertine e un sasso di arenaria del Salento, recuperato nella cardiologica Lecce in tempi duri, conservati insieme, nello scopo di un momento importante.
Ti era come una promessa il loro essere al rumore e alla fragranza del mare.
Due pietre puntigliose, di luoghi diversi e vicini, accanto, insieme ad altri sassi, sopra quella pietra serena coperta di altri sassi e corbezzoli che protegge Esther Judith Singer e Italo Calvino, dove tanti lettori fantasiosi e audaci passano, si commuovono, ricordano una riga, mettono una piccola pietra portata dai luoghi di provenienza.

Brindando con un calice di stelle alle parole che sgorgano libere e singhiozzanti di amore e di emozioni, dal piano più alto e più alto ancora di Castiglion della Pescaia.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2022, libri, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...