Caparsino Riserva 2012, rapi e salsicce

caparsino riserva 2012

Il buono di Radda a fianco di un piatto plebeo, ma che darebbe parecchi punti alle sbroscie stellate in una competizione fra la sostanza e l’aureola che circonda certi cuochi con la  forte vocazione dei messia.

E anche la schietta appartenenza all’esserci e al fare che richiede la terra quando da vini da meraviglia del genere, è il modo semplice di essere Paolo Cianferoni.

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, cose buone dal mondo, Cucina agricola, degustazioni, Federica, Fotografie 2017, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...