Siena: il legno crudo delle porte del Santa Maria della Scala

Quando la sera, le signore escono dai loro rifugi anti atomici di contrasto al bollore, la città è spopolata già da qualche ora dai turisti e nel freschetto viene bene fare due passi fino al Duomo o sedersi sui muriccioli davanti alla Pinacoteca, dove si è usi fare due chiacchiere gustando un gelatino.

A quell’ora c’è modo e verso di notare dei particolari  che la frenesia del giorno, con le cose da fare, o la ressa della gente, impedisce di vedere.
La porta d’ingresso al complesso museale del Santa Maria della Scala e quella alla sua sinistra, di giorno sono aperte, con le ante rivolte all’interno e quindi è difficile che attirino l’attenzione come avviene quando sono sbarrate.

Un complesso ospedaliero sorto sulla via Francigena già agli albori dell’anno mille, gioiello e vanto che ha dato lustro alla città e alla sua crescita economica, sociale, artistica, prima gestito dal clero, poi, dal ‘400 passato direttamente alla gestione comunale.

Non più ospedale dal 1995, riconvertito a polo museale che ha continuato a dare lustro alla città,  anche se, ultimamente, i suoi immensi spazi sono un po’ ai margini dell’attività culturale cittadina. Gestito (dall’onnipresente) Opera Laboratori Fiorentini.

Quel legno crudo, con qualche chiodo sporgente, nelle intemperie delle stagioni, merita la passione e il restauro da parte di qualche valente e capace artigiano.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Etruscany, Fotografie 2017, italians, La Porta di..... e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Siena: il legno crudo delle porte del Santa Maria della Scala

  1. Giovanni Franchi ha detto:

    Feci un preventivo di restauro 4/5 anni fa il portone era già messo male. Non lo avevo più riguardato da vicino e dicuramente questi anni di inviria hanno lavorato a fondo

    Mi piace

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Le immagini sono recenti e mostrano lo stato dei portoni, sicuramente le intemperie degli annni hanno aumentato le rughe e le fessure.
    Speriamo che queste poche righe siano colte e facciano ravvedere, il complesso del Santa Maria è una parte storicamente nobile del tessuto sociale di Siena, ci sono nate e ci sono state curate tante persone, oltre ad essere un valente museo, che ora pare girare tutto intorno a un book – shop e a poca fantasia.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...