L’abbeverata del daino al lago della Villa a Radda

Di tenero e verde da brucare c’è rimasto ben poco oltre al pampane sfinito dalla siccità delle viti, per togliere la sete sono pochi i corsi d’acqua che ancora preservano qualche traiettoria liquida.
Il lago della Villa a Radda è una pozza verde calata di almeno un paio di metri dal livello normale, che ha messo bene a nudo i sassi degli argini, con le laschette che saltano fuori argentee per rinfrescarsi dalla temperatura a brodo dell’acqua di residenza.
Gli animali più grandi non aspettano più il calare delle ombre per uscire dai ripari: la sete e l’arsura impongono di mostrarsi, stando lunghi momenti con la testa nell’acqua per rinfrescare l’ordine delle idee sul da farsi.

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, Federica, Fotografie 2017 e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a L’abbeverata del daino al lago della Villa a Radda

  1. Pingback: Pane in Buca, giornale a Radda, caffè a Castellina: giornata celebrativa dell’unione dei comuni del Chianti | Andrea Pagliantini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...