Uno strano gennaio con la mimosa e i peschi in fiore

Uno strano gennaio con temperature primaverili comporta la fioritura prematura di piante che di norma fioriscono a marzo inoltrato come la mimosa e il pesco, mentre altre piante hanno gli occhi gonfi pronti a sbocciare.
Una situazione estrema che pur tenuta minimamente a freno da serate fresche e con qualche croccantezza di brina consentono a insetti e bacherozzi dannosi all’agricoltura di prosperare e organizzare gite turistiche rilassanti prima di compiere danni epocali alle coltivazioni. Mosca Olearia per l’olivo e tignola per la vite su tutti. Serve il sano freddo che disinfetta e purifica i nostri campi e le nostre campagne.

Questa voce è stata pubblicata in Berardenga, campino e olio, fare vino, Fotografie 2016 e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...