La vendemmia del merlot

Dove per tempo immemorabile risiedevano vari orti in cui non mancavano mai fresco e acqua neanche nei periodi più torridi, risiede l’unico merlot dell’annata 2017 che è stato raccolto in queste ore, che non ha risentito dell’arsione di questa torrida estate.
Nel Chianti Storico, rimane pur sempre un vitigno intruso, buono per sciroppare il sangiovese ai palati da lambrusco degli americani e via discorrendo.
Bel sole, solita fatica sui sassi che ogni anno prolificano senza ritegno, ma anche giornate spensierate fatte con uno spirito fraterno come contemplava un tempo l’onesto, ricco e sudato lavoro nei campi.