I funghi dell’Amiata

Camminare, riflettere, godere del fresco sotto i faggi e i castagni, scorgere da sotto le foglie gli effetti del crescere e dei vari colori, fotografare, ma non toccare, non raccogliere, a meno che non si abbia la conoscenza, a meno che non si abbia il patentino per la raccolta dei funghi.
In un sottobosco carico di umidità, impossibile, non scorgere andando, questa infinita serie di colori, di lingue che escono dai castagni, rotondità rossastre, similitudini di porcini e tenere presenze.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2018 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...