Irrigazione a goccia di vigne nuove

Non c’è mai pace fra le vigne e lo certificano il tempo e la dedizione di chi ha i piedi per terra e si inerpica quotidianamente nelle pendenze sassose scoscese dal vento, dal sole, dalla siccità e dagli appetiti famelici degli animali più vari e dei burocrati più onnivori.
Siccità, questo il problema, reso ancora più drammatico se accostato a una vigna nuova di non tanti mesi, che ha poche radici sviluppate e riserve di energie.
Bagnare ogni singola vite diventa una fatica mostruosa avendo a disposizione acqua, botte su ruote e trattore.
Meno complicato se si ha la pazienza di predisporre sul terreno un impianto a goccia con un tubo di alimentazione e varie ali gocciolanti, tanti per quanti sono i filari.
Ad un sesto d’impianto di ottanta centimetri fra vite e vite, corrisponde il foro di uscita della goccia d’acqua, la precisione di come sono state impiantate le viti, diventa decisiva per le sorti di questa operazione, o si corre il rischio di bagnare inutilmente fra vite e vite.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, fare vino, Federica, Fotografie 2021, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...