Giuseppe Saragat e il corazziere del Quirinale

Giuseppe-Saragat

Su invito del Presidente della Repubblica Popolare Cinese, Mao Tze Tung, all’aereoporto di Pechino arrivò il Presidente italiano Saragat, accolto con tutti gli onori.
Colloqui ai massimi livelli con i dirigenti cinesi, consuete frasi di rito, d’amore e d’amicizia, poi, la richiesta della delegazione italiana di poter visitare la Grande Muraglia.
Il Presidente Mao in persona si offre di accompagnare l’illustre piemontese, con cortesia non convenzionale per un ospite straniero.
Sulle mura, improvvisamente, il Presidente Mao, chiede a una guardia rossa di vedetta di tagliarsi un braccio, e questi, immediatamente esegue l’ordine.
Saragat rimane colpito e stordito da tale gesto di obbedienza, rimugina per tutti i giorni successivi l’accaduto, fino al suo rientro in Italia.
Nei giardini del Quirinale, all’alba, da tipico insonne, mentre passeggia, ripensa alla scena, che lo ha segnato nettamente e impressionato.

Vede un corazziere di guardia all’ingresso del palazzo e perentoriamente ordina  lui di tagliarsi un braccio.
Il corazziere lo guarda da sotto l’elmetto di crine e di getto risponde:” Oh Beppe, ma che sei belle e briaco di prima mattina?

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, italians, La Porta di..... e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...