Lo scoiattolo alcolizzato di Vertine

Al primo albeggiare, per non essere visto, lo scoiattolo scivola via dalle cantine a rotazione dove passa la notte, abbagliato in un sonno profondo dai fumi del vino nuovo e da quello di annate precedenti, che scrocca di nascosto.

Damigiane che calano di livello, assaggiavino da cui pende una lenta gocciolina che svuota il colmatore nell’arco di poche ore.
La soluzione a tutti questi misteri è stato il ritrovamento di peluria fulva accanto ai tini, il lascito di qualche noce accanto le damigiane, per ripagare dell’ospitalità e del vino bevuto.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2019, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...