La valle dei pruni fioriti

Un fosso che raccoglie le acque piovane – sempre più rare – e le acque sorgive, che un tempo, quando le case ne erano ancora sprovviste, venivano incanalate in pozze per l’uso agricolo, per bagnare orti, tenere a bagno i salci, avere una riserva per fare i trattamenti alle viti a calce e ramato.

Ora queste acque rappozzano solo in piccola parte lungo il percorso che le porta al borro delle Piana, ma in questa breve sosta, rafforzano il crescere di una macchia di pruni lungo le sponde, ricoperte di un candore profumato di fiori e di api impazzite.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2019, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...