Le cure alla Quercia delle Checche

Dopo la siccità dello scorso anno, “l’abbeverata” offerta dai salvatori di querce e il tragico fulmine che colpì la pianta e ne provocò la caduta del ramo più grande e caratteristico, l’aministrazione comunale di Pienza, (unica entità ad avere titolo nell’occuparsi di questa grande pianta monumentale) ha provveduto a far sigillare le ferite con un mastice speciale per impedire l’accesso al legno vivo di insetti e batteri che ne possono compromettere la salute e a far innalzare dei sostegni per sorreggere il peso dei rami più sporgenti e a rischio di spaccarsi per le oscillazioni del vento e delle future intemperie.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2018, Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...