Stracotto ai funghi gentili

I gambi dei pochi funghi gentili di un autunno arido e privo di pioggia messi al sole e gelosamente custoditi in barattoli di vetro ben chiusi per coccolarsi di edificante aroma gustativo e riaddocilire un taglio di carne esaltante popolana, ma che anche le scarpe a punta o gli chef antanisti, nel loro intimo, se non cucinato da loro, amano e apprezzano.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Cucina agricola, Federica, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...