“L’Eroica” arriva in Parlamento

L’Eroica, la corsa cicloturistica amatoriale, arriva sui banchi di Governo e Parlamento. Ad annunciarlo è Lorenzo Rosso, portavoce di Siena di Fratelli d’Italia, dopo le polemiche sui social network dopo la corsa. Infatti le strade interessate sabato scorso dalla corsa sono apparse sporche di ogni rifiuto. Dalle gomme forate a lattine, cartacce, plastiche e quant’altro; le foto scattate dai cittadini sono impietose ed inequivocabili.
“Nessuna polemica con i tanti corridori che comunque con la loro presenza danno un po’ di respiro alle attività economiche della zona- dice Lorenzo Rosso -. Ma chiediamo chiarezza sugli introiti ed i guadagni che girano intorno all’Eroica, visto che la corsa si basa sul paesaggio e sulle bellezze della provincia di Siena, patrimonio pubblico e non privato. Alcuni articoli sulla stampa nazionale, non smentiti, parlano di un giro d’affari incredibilmente alto. Ad esempio, Massimo Bongiorno de “Il Manifesto”, rifacendosi alla recente cessione del marchio dell’Eroica,  scrive che  “la ‘regia’ dell’operazione è di Brooks Ltd, la fab­brica inglese di selle in pelle dive­nuta «icona sacra» del cicli­smo vin­tage (e non solo). Die­tro c’è soprat­tutto Sel­le­ Royal, il colosso vicen­tino che ha rile­vato pro­prio Brooks, diven­tando il primo pro­dut­tore al mondo del set­tore; e c’è anche il rimi­nese Alberto Gnoli, ammi­ni­stra­tore dele­gato del con­sor­zio Italy Bike Hotels. Sul valore dell’operazione nes­suno si sbot­tona, ma secondo indi­scre­zioni affi­da­bili l’ordine è almeno del milione di euro. E non c’è da stu­pirsi: il giro d’affari annuo attorno a que­sto evento, solo nel Chianti, è sti­mato in oltre i 5 milioni a fronte di spese orga­niz­za­tive che non supe­rano i 250mila euro”.

Il pezzo de “Il Manifesto” continua dicendo anche che “spiega al mani­fe­sto Andrea Mene­ghelli, mar­ke­ting mana­ger di Brooks e Sel­le ­Royal –  noi vogliamo tute­lare e far cre­scere il mar­chio a livello inter­na­zio­nale, pun­tando subito sul Giap­pone e il Regno Unito, ma soprat­tutto sugli Stati uniti. All’orizzonte ci sarebbe una Eroica addi­rit­tura in Cali­for­nia, entro il 2016. Per l’esattezza nella Napa Val­ley, dove sì c’è appena stato un ter­re­moto, ma non man­cano vigneti e strade bianche.”
“Con questi numeri gli organizzatori non si sono neppure presi la briga di ripulire le strade divenute vere e proprie discariche a cielo aperto. E sì che nel sito dell’Eroica la prima frase è la seguente “L’Eroica è un esempio di valorizzazione del patrimonio ambientale, di stile di vita sostenibile, di ciclismo pulito”, conclude Rosso.
L’interrogazione sarà presentata nei prossimi giorni da Achille Totaro al presidente del Consiglio Renzi che ha la delega del Governo sullo Sport ed al ministro degli Interni. Entrambi riferiranno dunque al parlamentare toscano di Fratelli d’Italia nell’aula di Montecitorio sulla vicenda “Eroica”.

Fonte: Il Cittadino

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Etruscany, Fotografie 2015, La Porta di....., persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

0 risposte a “L’Eroica” arriva in Parlamento

  1. Filippo Pieralli ha detto:

    che dire, ci sono un po di invidiosi in giro??? e poi è un male portare soldi e benefici al territorio con il turismo???? signor Rosso mediti mediti!!!

    Mi piace

  2. Filippo Pieralli ha detto:

    che dire, ci sono un po di invidiosi in giro??? e poi è un male portare soldi e benefici al territorio con il turismo???? signor Rosso mediti mediti!!!

    per maggiori info andate su Facebook e vedete veramente sulla pagina di Giancarlo Brocci quanta sporcizia sia stata abbandonata!!!

    Mi piace

  3. Andrea Pagliantini ha detto:

    Colgo l’occasione per dire la mia liberissimo da condizionamenti politici e da convinto sostenitore che la promiscuità e la non tenuta stagna fra affetti, interessi, politica, sia un grosso danno per la vita sociale.
    Chi mi conosce o frequenta questo blog sa benissimo quanto non sono mai stato tenero e quante volte ho preso posizione mostrando pubblicamente immagini di chi per inciviltà, leggerezza o maleducazione lascia rifiuti ingombranti fuori dai cassonetti, nei boschi, dentro i cassonetti inappropriatamente.
    E’ mia abitudine, nei giorni dell’Eroica girare in lungo e in largo, quasi sempre a piedi, nei luoghi, negli scorci, nei punti fotograficamente più interessanti e obbiettivamente posso affermare che ho visto solo una bottiglia da litro e mezzo di acqua lasciata a bordo strada (e da me rimossa) accanto ad uno spazio adibito a posteggio per i partecipanti all’Eroica. Visione limitata certo a qualche chilometro quadrato, ma onestamente è quanto ho visto. Peggio, molto peggio la quantità di rifiuti lanciati dalle macchine di questi cicilisti.
    Sulla questione del profitto ricavato dalla manifestazione, la sua entità e la sua direzione, non mi è chiaro lo scopo dell’interrogazione.
    O si presuppone che le cose non sono chiare, e allora si dice o si fa presente, oppure si deve riflettere perchè un fornaio con il pane che cuoce, o un’azienda agraria con il vino imbottiglia non debbano generare profitto come la società che organizza L’Eroica.
    Che il tutto si basi su tanto volontariato a fronte dei milioni di ricavo presupposti nell’articolo è un fatto di ogni singola persona sull’uso del proprio tempo e a cosa lo voglia dedicare, anche se, in uso volontario si intende usare il proprio tempo libero per un’associazione, un ente assistenziale, una bocciofila, una sportiva, un partito, per il gusto di farlo….. senza trarne profitto o vantaggio.

    Mi piace

  4. monica ha detto:

    Andrea, proprio perchè sei libero (e non solo) sarai sparato da destra e da sinistra perchè le tue riflessioni e i tuoi pensieri entreranno sempre in collisione con gli interessi di qualcuno.

    Mi piace

  5. filippo cintolesi ha detto:

    Francamente dal post non si capisce se il punto dell’interrogazione e delle polemiche sia il pattume (vero o presunto) lasciato lungo le strade o invece il giro d’affari attorno all’evento e al marchio. Le parole citate fanno un giro di virgolettature di cui non si capisce bene il capo e la coda (il pezzo del Manifesto per esempio sembra una citazione nella citazione). In definitiva, a prescindere dalle considerazioni nel merito che lascio ad altri (dalla lettura dell’articolo di FB citato nel commento del Pieralli sembra addirittura che se ne occuperanno “gli avvocati”), io non capisco soprattutto una cosa: perche’ diamine a occuparsi della cosa dovrebbero essere “i banchi di Governo e Parlamento”. Questione politica e’? Mah…

    Mi piace

  6. Filippo Pieralli ha detto:

    Ciao Filippo Cintolesi, ti spiego e vi spiego meglio,
    diciamo che nel mezzo è arrivata la politica perchè proprio un politico di un comune vicino chiederà quanto segue al parlamento!!!; “testuali parole”: ( la politica vuole conoscere se e chi guadagna su una manifstazione che sfrutta le strade ed i paesaggi pubblici. L.R. ) .

    Ora è da chiedersi,ma allora tutte le attività turistiche “sfruttano” le bellezze del territorio che son pubbliche secondo questo signore?…… MAH!
    Per quanto riguarda le denuncie citate nel tuo commento dovresti leggere alcuni signori su facebook cosa hanno scritto nei confronti di Eroici e non…..
    comunque è bene che se ne parli, è tutta pubblicità, visto che non abbiamo niente da rimproverare a questa manifestazione MOLTO SANA!

    Mi piace

  7. Andrea Pagliantini ha detto:

    Un interrogazione parlamentare in questi termini francamente mi pare fuori luogo, non si capisce di cosa dovrebbe rispondere il Governo o il ministro dell’interno sulla gestione dell’Eroica e dei suoi profitti.
    Sul discorso dei rifiuti, pochi o tanti che siano, io li avrei documentati, segnalati all’organizzazione e rimossi come sovente mi capita di fare quando ne trovo nel mio spicchio di mondo.
    Scorrendo la pagina feisbuc di Massimo Coghe, il fantino “Massimino” del Palio di Siena che ha pubblicato alcune immagini di rifiuti sul percorso (ama la terra dove vive e lavora e questo è un merito) ci sono alcuni commenti che umanamente sono da condannare perchè con la salute, con la salute altrui non si scherza.
    Non credo proprio che sbandierare gli avvocati serva a qualcosa o serva come minaccia.
    Chi ha scritto opinioni pesanti sull’incolumità dei ciclisti ha problemi che un avvocato non può guarire.
    L’Eroica è un po’ strabordata nei numeri, ma essendo una manifestazione privata ci sta, però è anche vero che permette al Chianti e al territorio senese di essere visto ovunque per i suoi aspetti migliori: la bellezza dei luoghi toccati dai ciclisti rimane e fa il giro del mondo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...