Interpellanza sul futuro della Villa Chigi Saracini

Il Consigliere Comunale Nicola Ruffoli, presenta un’interrogazione al Sindaco avente per tema la Villa Chigi Saracini, il bene storico e architettonico più importante del capoluogo, il suo stato di conservazione, il suo futuro…… possibilmente pubblico.

“Già in data 5 luglio 2019, lo scrivente Consigliere Comunale, aveva sottoposto interrogazione al Sindaco per conoscere quali sarebbero state le iniziative che l’Amministrazione avrebbe intrapreso per quanto in oggetto.
Da quanto appreso da fonti qualificate presso il Tribunale di Siena, è in corso l’omologa del concordato preventivo in continuità presentato da Sansedoni S.P.A.
Considerato che il degrado sia del parco che delle strutture murarie, non deve essere oltremodo accettato, quello che ad oggi si presenta ai nostri occhi, è un insulto non solo alla storia ed alla memoria della Comunità, ma anche alle eccellenze culturali italiane.

E’ fondamentale quindi, per lo sviluppo del Capoluogo, che il complesso di Villa Chigi Saracini possa ritornare ad uso della Comunità il più presto possibile, innumerevoli sarebbero infatti le iniziative che potrebbero essere sviluppate per dare lustro ed anche un tornaconto economico culturale ad una Comunità che proprio in quel preciso luogo nacque e si sviluppò nel corso della storia. E’ un’occasione unica da non perdere: ira o mai più.

In una fase del genere, appare indispensabile un coinvolgimento di tutte le Forze Politiche rappresentate, unendo forze ed idee.
Una risolutezza d’intenti assolutamente incisiva e priva di ombre porterebbe a una ulteriore svalutazione del Complesso, agevolando un eventuale intervento pubblico.
Si interpella il Sindaco al fine di:

  • Conoscere quali siano gli attuali vincoli di legge che insitono sul Complesso.
  • Conoscere la volontà di esplicitare, già da subito, la volontà dell’Amministrazione Comunale in merito alla destinazione d’uso del Complesso, al fine di ufficializzarne la linea politica, magari affrontando la ploblematica nell’apposita Commissione, la possibilità o di una vendita diretta da parte della proprietà, o magari, nell’ipotesi di un’asta giudiziale, non trovi impreparazione, sarebbe auspicabile quindi l’apposizione di ulteriori vincoli al fiine di scoraggiare l’acquisto da parte di terzi, facendo leva su strumenti urbanistici, richiamando l’alto valore storico architettonico della Villa, del Viadotto, delle statue del Sarrocchi e poi del Consorti, delle opere del Fantastici e non solo. Nicola Ruffoli, Consigliere Comunale Gruppo Misto.
Questa voce è stata pubblicata in andrà tutto bene, Arte e curtura, Berardenga, Cartoline dalla Berardenga, Etruscany, Fotografie 2021, italians e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...