Il compleanno di Vasco

vasco nuti il pipa

Ha lo stesso brio di quando i militari tedeschi gli sparavano mentre correva per i campi per portare quei pochi alimenti c’erano, ai renitenti alla leva repubblichina nascosti nel bosco in un capanno.
Riposta da giorni la bicicletta in cantina e annullate le partite quotidiane a scala e a bocce, si diletta nell’orto sotto casa seminando verdure per l’estate e dando martellate ai chiodi storti per addirizzarli o rifare il filo a qualche falce archeologica rinvenuta fra l’erba.
Qualche sforbiciata a un ulivo, il rancio alla truppa di gatti, i preparativi per la desina al rigoroso tocco di mezzogiorno, lievi tracce di telegiornale.

Un po’ di movimento dopo, sennò ha paura che non gli entri la muta da ciclista dell’Eroica per quando sarà ora di rimontare in sella.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2020, La porta di Vertine, persone e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il compleanno di Vasco

  1. Riccardo Rosso ha detto:

    Che bella questa descrizione di una giornata “tipo” per un anziano che vive in campagna. Gli avvenimenti di questi giorni poco incidono, è solo il ritmo del tempo che ogni giorno ripropone sempre gli stessi impegni. E infatti chi abita in campagna si gode la natura e i suoi ritmi che non sono quelli che ci danno i telegiornali. E di fatti è solo il tempo che conta, che scorre e che poi ci farà superare le cose. Anche le più brutte.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...