Una neve improvvisa piena di calore candido

Tutto d’intorno è pace,
chiuso in un oblìo profondo,
indifferente il mondo
tace.

Ada Negri

Una perturbazione soffice e lieve si posa bianca sotto gli anfibi che sentono friggere la neve sotto le suole, istanti improvvisi di affetti mai domi, di altari sguarniti, di cipolle e patate a poltrire nella cenere, rosso che inebria il bicchiere, rondine avvolta in un batuffolo di calore, radici di viti vecchie che la sanno lunga, ulivi in allarme, film in bianco e nero che scalda la quiete.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, campino e olio, Chianti Storico, fare vino, Federica, Fotografie 2015, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

0 risposte a Una neve improvvisa piena di calore candido

  1. Daniela ha detto:

    Sono immagini suggestive e bellissime, viene voglia di camminare nella neve.

    Mi piace

  2. an ha detto:

    Bellissime!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...