Banca Vaticana

Trombato il presidente della banca vaticana Ettore Gotti Tedeschi per una divergenza di vedute sulla trasparenza delle transazioni bancarie.

Un candidato alla successione potrebbe essere il mitico commercialista Testa Pelata.
Ha un bel curriculum.

Questa voce è stata pubblicata in fotografie 2012, italians, Storie di Testa Pelata. Contrassegna il permalink.

0 risposte a Banca Vaticana

  1. Roberto/TreScogli ha detto:

    Andarono intanto a Gerusalemme. Ed entrato nel tempio, si mise a scacciare quelli che vendevano e comperavano nel tempio; rovesciò i tavoli dei cambiavalute e le sedie dei venditori di colombe 16e non permetteva che si portassero cose attraverso il tempio. Ed insegnava loro dicendo: “Non sta forse scritto: La mia casa sarà chiamata casa di preghiera per tutte le genti? Voi invece ne avete fatto una spelonca di ladri!“.
    Dal Vangelo secondo Marco

    Mi piace

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Roberto, mi sa che le alte gerarchie vaticane quel passaggio del vangelo di Marco o non se lo ricordano o non lo hanno proprio letto.

    Mi piace

  3. Laura ha detto:

    Il commercialista Testa Pelata, da farabutto e incompetente quale è può aspirare a ruoli ai massimi livelli.

    Mi piace

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    Volendo, fra i papabili alla presidenza della banca vaticana ci potrebbe essere anche qualche ex presidente di nota banca senese.
    Altro buon curriculum.

    Mi piace

  5. Roberto/TreScogli ha detto:

    Aggiornamento dell’ultim’ora… il colpevole è il maggiordomo!
    Arrestato il ‘corvo’ del Vaticano “E’ il maggiordomo del Papa”
    http://www.repubblica.it/esteri/2012/05/25/news/vaticano_padre_lombardi_scoperto_detentore_carte_riservate-35896986/?ref=HREA-1

    Mi piace

  6. Elisabetta Viti ha detto:

    …ma non è che x forza ,questi “galantuomini” debbano passare da una “poltrona” all’altra di qlke bel Palazzo!!!!….possono stare anche a sedere su un’umile “seggiola”,o anche in piedi,in qlke ufficio misconosciuto….e magari lavorare concretamente,cercando di non far danni, e rendendo conto alla collettività di quel che fanno!…Si può lavorare anche in silenzio,senza x forza avere “visibilità” a tutti i costi….lavorare come fa la maggior parte della gente….con responsabilità e senso del dovere….un saluto

    Mi piace

  7. silvana biasutti ha detto:

    Ti leggo prudentino, caro Andrea!
    Di questi giorni, in terra italiana (anche senese) e perciò pure vaticana (per inclusione, anche etica) si constata la sparizione di un sacco di soldi.
    Sessanta di qua, duecento di là, tremila di su .. eccetera. E sto scrivendo di milioni di euro.
    Forse anche il Vaticano non sfugge alla generale “fringale” (così in argot viene definita la fame di soldi)!
    Una brutta malattia; chissà se il Gotti Tedeschi magari era (è) vaccinato.
    Brutti tempi, quelli che stiamo attraversando; tempi in cui i ladri rubano e se glielo fai osservare – anche gentilmente – ti fanno gli occhiacci.
    Sai che cosa mi dispiace?! Che questa terra senese – che avrebbe (avuto) tutto per non cadere o scivolare nei trappoloni della contemporanea avidità si sia e si stia, tutto sommato, confermando molto italiana. E non nel senso più poetico del termine.

    Mi piace

  8. Andrea Pagliantini ha detto:

    @ Silvana
    i ladri in guanti bianchi non hanno il senso dell’umorismo quando gli fai lievemente notare che sono ladri, come quando risiedono in abitazioni vista fori imperiali comprate ohibò dallo spirito santo.

    @ Roberto
    Un eccesso di fagiolo zolfino la sera prima di andare a letto non affogato in un pentolo di lambrusco causa vapori allo stato gassoso.
    Le finestre aperte per la respirazione da gas fagiolosi inoltrate dal ponentino da finestra a finestra, sono l’artefizio della scomparsa di documenti riservati dalle stanze papali volati via.
    Il maggiordono stavolta è innocente.
    E qui ci vuole una canzoncina risorgimentale……

    Mi piace

  9. Roberto/TreScogli ha detto:

    @Andrea – Rimango in tema anticlericale…🙂

    p.s.
    Ho seminato, per il primo anno, dei fagioli zolfini che ho avuto in regalo.
    Oggi ho visto che sono spuntati🙂

    Mi piace

  10. Andrea Pagliantini ha detto:

    Si dice che i migliori fagioli zolfini in assoluto siano quelli della zona del Valdarno che fra un po’ li vendono nelle gioiellerie, ma sempre meglio buttarla in fagioli che indulgenze.
    Ho come la sensazione che il maggiordomo del papa sarà la storia tormentone dell’estate un pò come la casa a Montecarlo del cognato di Fini, però con la differenza che dove ronzano le alte gerarchie pretesche tutto si fa più divertente…..
    Consoglio la visione del film I banchieri di dio….

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...